Domande e risposte sull’erogatore di acqua

Tecnologie di filtrazione dell’acqua

A seconda del contenuto di sali minerali dell’acqua di rubinetto locale, gli scambiatori ionici rimuovono specifici ioni indesiderati, ad esempio calcio e magnesio, che potrebbero altrimenti causare depositi di calcare nelle apparecchiature, compresi gli erogatori di acqua calda come BRITA VIVREAU Extra C-Shape. Lo scambiatore ionico rilascia altri ioni nell’acqua mentre lega gli ioni indesiderati sulla sua superficie. Questa tecnologia è presente, per esempio, nel filtro BRITA PURITY C Dispenser. 
 

Il carbone attivo è un materiale naturale a elevata microporosità e con una vasta superficie interna. È quindi in grado di assorbire e legare efficacemente le sostanze. Il carbone attivo è spesso ricavato da legno, torba, carbone o gusci di cocco. Il carbone attivo BRITA è ottenuto dal guscio di cocco, essendo questo una risorsa rinnovabile. La filtrazione a carbone attivo riduce le sostanze organiche nell’acqua, come i residui di pesticidi o di coloranti industriali. Riduce anche le sostanze che potrebbero influenzare il gusto e l’aroma, come il cloro e i composti del cloro, i composti organici e i prodotti metabolici dei batteri. Il carbone attivo è un componente chiave dei filtri BRITA e ha un ruolo speciale soprattutto nella filtrazione dell’acqua fredda.

Il primo passo della filtrazione consiste nel rimuovere le particelle e ridurre la torbidità. Le particelle nell’acqua potabile provengono tipicamente dalle tubature e, nella maggior parte dei casi, non sono dannose per la salute. Tuttavia, le particelle possono causare ostruzioni, ad esempio negli erogatori di acqua, con conseguente fermo delle apparecchiature. Durante la filtrazione, la maglia del filtro trattiene le particelle agendo come un setaccio; le particelle sono intrappolate sulla superficie del filtro e all’interno del vello stesso. Tutti i filtri acqua BRITA combinano filtri di particelle con carbone attivo, e alcuni modelli includono uno scambiatore ionico.

La filtrazione a membrana impiega un sottile strato di un materiale per trattenere specifiche particelle o molecole. Questo metodo viene impiegato per le sostanze disciolte, filtrando le particelle di una certa dimensione e lasciando passare quelle più piccole. Negli erogatori BRITA, i filtri a membrana, inclusi nelle cartucce filtranti BRITA CLARITY Protect e CLARITY Safe X3, si trovano all’ingresso dell’acqua dell’erogatore e, come seconda protezione, direttamente a monte del rubinetto d’uscita dell’erogatore. Quando si eroga l’acqua, la membrana rimuove immediatamente i batteri, le cisti microbiche e altre impurità indesiderate che possono provenire dal rubinetto. Questo strato finale di protezione garantisce acqua di qualità e igiene eccezionali ogni volta che si usa l’erogatore.

Impurità bloccate dalla filtrazione

I residui farmaceutici e ormonali, e i loro sottoprodotti, possono entrare nell’ambiente attraverso le acque reflue. Possono poi finire nell’acqua di rubinetto, anche se solo in quantità estremamente ridotte. L’acqua viene spesso testata per rilevare la presenza di naprossene, lindano ed estrone, poiché queste sostanze sono particolarmente comuni.

Le particelle presenti nell’acqua provengono principalmente dai depositi formatisi nelle tubature.  In termini chimici, comprendono una miscela di calcare, gesso, silicati (sabbia) e sostanze provenienti dalla corrosione dei tubi (ruggine).  Gli sbalzi di pressione o semplicemente il normale flusso dell’acqua possono spostare le particelle.

In genere, nell’acqua di rubinetto non sono presenti metalli, ma possono essere introdotti attraverso la corrosione dei tubi. Le tubature residenziali possono essere fatte di acciaio galvanizzato, rame, acciaio inossidabile, ottone e, in rari casi, piombo. Il ristagno dell’acqua nelle tubature può aumentare la concentrazione di metalli oltre le soglie specificate.

Durante il trattamento, il cloro e i composti di cloro sono aggiunti all’acqua nelle quantità più basse possibili, idealmente sotto la soglia di odore. Tuttavia, livelli più alti di cloro possono essere necessari per la trasmissione su distanze più lunghe. Il cloro può anche formare composti con sostanze organiche, influenzando negativamente il gusto e l’odore dell’acqua.

I contaminanti organici includono diversi composti chimici, dalle sostanze industriali, come i solventi (ad esempio il benzene), ai residui di medicinali e pesticidi, ai composti organici naturali. Entrano nell’acqua di rubinetto, ad esempio, attraverso le emissioni.

Durante il ciclo dell’acqua, la pioggia assorbe la CO2 nell’aria. Diventa leggermente acida e cade, dissolvendo i minerali nel terreno, per esempio il carbonato di calcio. Questo comporta un aumento della durezza da carbonati. Tuttavia, un contenuto di minerali troppo elevato nell’acqua può influenzare il sapore delle bevande e portare a depositi di calcare nelle apparecchiature.

L’amianto è un minerale silicato fibroso resistente al calore. È stato ampiamente utilizzato, ad esempio, come isolante, come rivestimento anticorrosivo e, in passato, come materiale da costruzione. Le fibre di amianto possono entrare nell’acqua attraverso le tubature, compresi i tubi di amianto-cemento (che erano ammessi in passato) e i tubi rivestiti.

Le microplastiche sono, in parole povere, frammenti di plastica più piccoli di 5 mm. Si possono trovare nell’acqua di rubinetto e includono microplastiche primarie, ad esempio cosmetici, scrub per il viso e detergenti, così come microplastiche secondarie, ad esempio derivate dalla degradazione di prodotti in plastica e pneumatici d’auto.

Per definizione, l’acqua di rubinetto è pulita, ma non sterile. È trattata per soddisfare i limiti microbiologici stabiliti. Tuttavia, poiché l’acqua viene trasportata attraverso il sistema di rete, i germi (ad esempio i batteri e le cisti) possono moltiplicarsi. Questo è particolarmente vero per l’acqua stagnante.

Siamo qui per te. Per ulteriori informazioni, contattaci subito!

* Richiesto
Controllare i propri dati
Controllare i propri dati
Controllare i propri dati
Controllare i propri dati
Controllare i propri dati
Controllare i propri dati
Caratteri rimanenti:
Si tenga presente che non è possibile utilizzare i simboli < > @ % * # | _ [ ] ~ { } ( ) e le combinazioni di "www." e "://".
Ulteriori informazioni sulla protezione dei dati sono disponibili qui.

Digita i caratteri che vedi nell’immagine qui sotto, quindi fai clic su Invia.

Controllare i propri dati