BRITA storia acqua

La storia di BRITA: gli inizi

Oltre cinquant’anni di esperienza

BRITA storia bicchiere di acqua

Negli anni ‘60 Heinz Hankammer fonda l’azienda BRITA ispirandosi al nome di sua figlia. L’idea alla base: l’ottimizzazione dell’acqua di rubinetto. Inizialmente per le batterie per automobili e poco dopo per l’acqua domestica. Nel 1970 lancia e brevetta la prima caraffa filtrante. Quella che era iniziata come una produzione casalinga raggiunge in cinquant’anni le dimensioni di un’azienda internazionale.

La prima caraffa filtrante, ufficialmente denominata Haushaltswasserfilter I (filtro domestico per acqua I) era un imbuto collocato in un recipiente trasparente. Semplice e funzionale. La forma dell’imbuto e il color arancione acceso incarnavano lo stile degli anni ‘70. Ma il principio della filtrazione era visionario. Hankammer aveva usato una resina a scambio ionico e il carbone attivo per ridurre il calcare e le sostanze che alteravano il sapore e l’odore dell’acqua di rubinetto. Il risultato è stato un’acqua più leggera e dal gusto migliore. Prima e dopo.

Premiata per la prova del tè, il design e come professionista del riciclaggio.

La sfida: Heinz Hankammer era certo che il tè preparato con l’acqua filtrata avesse sapore e aspetto migliore, ma come convincere gli altri? Inventando la prova del tè. Ha preparato due tazze di tè: una con acqua di rubinetto e una con acqua filtrata BRITA. Dopo essersi raffreddato, il tè preparato con acqua di rubinetto presentava delle sgradevoli striature sulla superficie, mentre l’altro era limpido e sprigionava un aroma delizioso. Chi lo ha visto ne é rimasto impressionato.

Heinz Hankammer ha migliorato le caratteristiche tecniche dei suoi prodotti instancabilmente e senza tralasciare concetti come la sostenibilità e la responsabilità. All’inizio, solo il materiale filtrante era disponibile come ricambio. Nel 1979, vengono aggiunti alla collezione BRITA i filtri di ricambio.

Dal 1992, i locali dell’azienda di Taunusstein, Germania, sono stati sede di una struttura di riciclaggio interna per filtri usati. Qui, BRITA separa la miscela di carboni attivi e resine a scambio ionico contenuta nei filtri. La fase successiva viene realizzata nella stanza di rigenerazione dove viene data nuova vita alle resine a scambio ionico prima di utilizzarle nella miscela impiegata per i nuovi filtri.

Oltre a condurre ricerche tecniche e ad ampliare la gamma di prodotti fino ad includere i filtri professionali per uso commerciale, BRITA si è concentrata a lungo sul design. Il motto di Heinz Hankammer “pulito, pratico ed economico” viene applicato ancora oggi dai designer BRITA con grande successo. La caraffa filtrante Navelia è stata vincitrice nel 2008 del premio Japanese Good Design Award e del celebre Red Dot Award nel 2009.

BRITA storia WD3030 madre bambina in cucina

Cambieremo le abitudini delle persone nel bere acqua in modo sostenibile. - La visione di BRITA

Qualità made in Europe

In seguito al lancio dei filtri professionali nel 1980, i proprietari di bar e ristoranti sono passati a BRITA. L’acqua filtrata ha semplicemente un ottimo sapore. Liberi di sviluppare tutto il loro aroma, caffè, tè e alimenti diventano delle prelibatezze. Il settore è cresciuto velocemente, soprattutto perché l’acqua filtrata BRITA protegge le apparecchiature di valore. In questo modo, le macchine e le apparecchiature non comportano più alti costi di mantenimento e di riparazione causati dagli accumuli di calcare. Oggi gli ospedali, le case di riposo, le scuole, gli asili e gli uffici possono ottenere inoltre una soluzione BRITA personalizzata.

Markus Hankammer, CEO del Gruppo BRITA dal 1999, non ha ancora smesso di meravigliarsi dell’intuizione di suo padre. Del modo in cui, a quell’epoca, abbia “concepito e sviluppato una tecnologia sconosciuta senza immaginare che stesse creando una nicchia nel mercato globale”. Un mercato che BRITA ha creato e che continua a guidare ancora oggi.

A livello globale, 1.827 dipendenti lavorano per BRITA, in 28 sussidiarie e filiali nazionali e internazionali distribuite in 66 paesi, di cui 942 presso la casa madre in Germania. L’azienda a gestione famigliare manitiene i sitiI produttivi in Germania, Gran Bretagna, Italia, Svizzera e Cina.

Espansione globale

Ampliare le proprie attività commerciali a livello mondiale costituisce un obiettivo strategico fondamentale. I primi mercati sono stati la Spagna e la Francia. Negli Anni ‘80 si è aggiunta l’Inghilterra, che resta tuttora un mercato importante. Attualmente, BRITA opera in Asia attraverso le sue filiali in Giappone, Cina, Taiwan e Hong Kong. BRITA ha inoltre aperto di recente una sede in Turchia, una porta sull’Asia.

Comprendere le necessità e le abitudini di consumo di altre culture e migliorare la qualità dell’acqua sono i principali obiettivi che ci spingono a sviluppare tecnologie innovative e prodotti moderni. Ed è così che BRITA è stata scoperta dal mondo, diventando sinonimo di “affidabilità ed esperienza”, afferma Markus Hankammer.